La storia della Lilt e la sua sede di Caserta

DATA

Contenuto dell'articolo

1971


L’8 novembre 1971 viene conferito al dottor Ferdinando Giordano, dirigente sanitario
INADEL di Caserta, l’incarico di Commissario della Sezione Provinciale di Caserta
della Lega Italiana per la Lotta contro il Cancro (LILT).

1972


Viene nominata Presidente della Sezione Provinciale di Caserta della Lega Italiana
per la Lotta contro il Cancro (LILT Caserta) la signora Filomena Dell’Aquila,
ostetrica condotta che resterà in carica fino al 2002.

1975

La LILT viene riconosciuta Ente Pubblico non economico. La sua attività si svolge
sotto la vigilanza del Ministero della Sanità e in collaborazione con le Regioni, le
Province, i Comuni. Il bilancio è verificato annualmente dalla Corte dei Conti.

1986

Il 31 maggio è la prima Giornata Mondiale senza Tabacco. Iniziano i corsi antifumo
della LILT, in collaborazione con il Ministero della Sanità e l’Istituto nazionale di
Ricerca sul Cancro di Genova.

1989

La LILT diventa la promotrice, in Italia, della prima Settimana Europea contro il
Cancro. La Lilt entra a far parte dell’ECL (European Cancer League).

1994

Viene approvato il nuovo Statuto della Sede Centrale e le Sezioni Provinciali
vengono trasformate in associazioni di volontariato. 

1995

È l’anno di Europa Donna. La LILT realizza una vasta campagna informativa sulla
diagnosi precoce del tumore al seno.

1997 – 1999


Nasce SOS Lilt: 800998877, una linea verde dedicata all’informazione sul cancro.

1999

Grazie al finanziamento ricevuto per la manifestazione “Trenta Ore per la Vita”
vengono realizzati dalla LILT Caserta tre importanti progetti:
L’assistenza domiciliare dei malati terminali di cancro, che in cinque anni ha dato la
possibilità di assistere oltre duecento pazienti in tutta la Provincia di Caserta;
L’acquisto di un ecografo per la diagnosi precoce dei tumori del seno e dell’utero,
inizialmente operativo presso la sede di Aversa della LILT Caserta e successivamente
trasferito all’Unità operativa di Senologia del Presidio Ospedaliero dell’ASL Caserta
di Santa Maria Capua Vetere, con specifica convenzione, ed attualmente in uso
all’Unità operativa di Senologia dell’Azienda Ospedaliera di Caserta.

L’acquisto di un videodermatoscopio per la diagnosi precoce dei tumori cutanei,
inizialmente operativo presso la sede di Aversa della LILT Caserta e successivamente
trasferito ed attualmente in uso all’ambulatorio di Dermatologia dell’Asl Caserta sito
presso il poliambulatorio di Aversa, con specifica convenzione.

2001

Viene modificato lo Statuto. La prevenzione oncologica diventa il compito
istituzionale prioritario dell’Ente. Vengono distinti i compiti di indirizzo del
Presidente Nazionale e del Consiglio Direttivo Centrale da quelli amministrativi del
Direttore Generale. Sono istituiti la Consulta Nazionale Femminile ed il Comitato
Etico.

Viene istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 maggio
2001 la “Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica (SNPO)”. 

2002

Viene nominato commissario della Sezione Provinciale di Caserta della Lega Italiana
per la Lotta contro il Cancro (LILT Caserta) il dottor Vincenzo Claudio Battarra,
dermatologo, già componente del direttivo.

2003

Il 7 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Sanità, il Presidente della
Repubblica Carlo Azeglio Ciampi conferisce alla LILT la Medaglia d’oro ai
Benemeriti della Salute Pubblica.

2004


Viene nominato Presidente della Sezione Provinciale di Caserta della Lega Italiana
per la Lotta contro il Cancro (LILT Caserta) il dottor Vincenzo Claudio Battarra,
dermatologo, già commissario, che resterà in carico fino al 2020.

2008

Con D.P.C.M. la LILT viene confermata Ente Pubblico

2010

La LILT con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri viene riclassificata
quale Ente di “notevole rilievo”, in luogo del “normale rilievo” precedente

2013

Grazie al finanziamento ricevuto dalla Sede Centrale per i Progetti realizzati con il 5
per Mille, prende avvio il progetto Donne Fuori Fascia, ideato dalla Dottoressa
Angela Maffeo, che intende creare un percorso in cui le donne residenti nei comuni
del Medio Volturno abbiano la possibilità di accedere con un meccanismo di rete alle
prestazioni diagnostiche di prevenzione primaria e secondaria ritenute più opportune
senza sottoporsi ad onerosi viaggi o spostamenti.

Si rivolge a donne di età inferiore ai 49 anni residenti nelle aree disagiate dell’alto
casertano, provincia di Caserta, assistite dai medici di famiglia partecipanti al
progetto pilota. 

Si darà priorità alle richieste delle donne: 

  • che abbiano evidenza clinica di sintomatologia neoplastica; 
  • con familiarità per patologie mammarie neoplastiche; 
  • che assumono estro progestinici o effettuano terapia sostitutiva.

2020

Viene nominata Presidente della Sezione Provinciale di Caserta della Lega Italiana
per la Lotta contro il Cancro (LILT Caserta) la dottoressa Angela Maffeo, chirurgo
oncologa, già componente del direttivo.


11 OTTOBRE 2020 presso il Real Sito in Carditello si è svolta la mattinata della
prevenzione con numerose attività nei vari luoghi della reggia.

All’esterno si sono svolte:
una camminata sportiva a cui hanno partecipato le associazioni delle donne operate al
seno ed associazioni amatoriali di camminata sportiva,
una corsa podistica a cui hanno partecipato diverse associazioni sportive
dilettantesche della Campania,
una seduta di camminata meditativa e una di Yoga Kundalini per le donne operate al
seno.

Sono stati distribuiti t-shirt con Logo LILT, nastrini rosa e presidi anti COVID.

All’interno della Reggia si è svolta una mostra di pittura “Artisticamente LILT” con
tema la prevenzione del tumore al seno dove hanno partecipato venti artisti di tutta
Italia un workshop dal titolo “Tumore al seno oggi: si vince” con a cui hanno partecipato il
Presidente Nazionale LILT, prof. Francesco Schittulli, il coordinatore regionale
campano, dottor Oto Cusano e i presidenti e delegati delle Sezioni Provinciali della
Campania.


2020 – 2021


Nell’ambito del Protocollo d’Intesa tra LILT e Ministero dell’Istruzione, la Lega
Italiana per la Lotta contro i Tumori ha svolto il Progetto “Guadagnare salute con la
LILT” per l’anno scolastico 2020/2021, nonostante tutte le difficoltà che gli Istituti
Scolastici hanno dovuto affrontare per la pandemia Covid. Il progetto, rivolto a
docenti ed allievi delle scuole primarie e dell’infanzia, alle scuole secondarie di
primo e secondo grado e in via sperimentale agli Istituti Alberghieri ha previsto
incontri di presentazione delle attività partendo da novembre 2020 e attività di
formazione e tutoraggio online, differenziate per ordine scolastico sui docenti e sui
referenti ed operatori LILT. La formazione è stata erogata tramite piattaforma e le
attività si sono svolte attraverso Webinar con le scuole partecipanti, le attività di
contatto sono state curate dai referenti LILT D’Argenzio e Severino e per i lavori da
preparare i docenti si sono recati presso le scuole, ove possibile causa Covid, per
raccordarsi con i docenti individuati dai Dirigenti Scolastici che hanno aderito.

Conoscenza e apprendimento di comportamenti salutari con percorsi didattici
suddivisi in aree di approfondimento tecnico, disciplinare ed espressivo-creativo,
l’acquisizione di scelte salutari attraverso l’approfondimento dei significati del
benessere psicofisico con le modalità della riflessione sui messaggi delle fiabe e del
linguaggio simbolico come strumento per il potenziamento delle life skills
(competenze trasversali acquisite) nelle scuole primarie e dell’infanzia.

Sono stati promossi laboratori didattici esperienziali su fumo, il seminario conclusivo
si è tenuto il 31 maggio, giornata nazionale contro il fumo di tabacco, su
alimentazione e attività fisica che insegnino a sperimentare, giocando insieme.
Per le Scuole secondarie di primo grado sono stati trattati i temi della prevenzione
oncologica e stili di vita a rischio; in particolare la promozione di sani stili di vita, la
prevenzione dall’abitudine al fumo e la percezione e la prevenzione del rischio.
Nelle scuole secondarie di secondo grado i programmi della LILT sono inseriti in un
percorso generale di scuole che promuovono salute, articolato nel curriculum
scolastico dal primo al quarto anno. Si sono affrontati anche i temi del fumo e
dell’alcol correlati ad un esame delle percezioni del se in evoluzione.
Le classi partecipanti continueranno in settembre un percorso di studenti del terzo e
del quarto anno, già formati da operatori LILT, di educazione fra pari. Verrà
sviluppato il tema della prevenzione oncologica e dell’educazione a un corretto
comportamento alimentare con il programma “I Gusti della Salute”. Quest’ultimo,
per cui la LILT ha già realizzato una guida didattica, si rivolge principalmente agli
istituti alberghieri e agli istituti agrari, ma può essere esteso ad altre tipologie di
istituti scolastici.


Il Progetto è partito in maniera operativa nella terza settimana di marzo
contestualmente alla Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica :
“Guadagnare Salute con la LILT Caserta”, ha visto impegnati , oltre la Presidente
provinciale, Angela Maffeo, i due referenti territoriali, Elena Severino e Luigi
D’Argenzio, e gli operatori LILT , specialisti volontari, Pasquale Borriello, psicologo
psicoterapeuta, Fabio Perone, dottore in Scienze Motorie ed esperto di attività ed
esercizio fisico adattati, Carmen Colonna, farmaco-biologa nutrizionista, esperta di
tecniche alternative come lo yoga e tecniche di rilassamento.


Il percorso, in modo particolare quello sperimentale con l’istituto Alberghiero, ha
visto la presenza come docente anche del Coordinatore regionale della LILT
campana, il dottor Oto Cusano, veterinario.
Ventitré classi della scuola secondaria di secondo grado, otto classi della scuola
secondaria di primo grado, tre classi della scuola primaria come progetto pilota.
Per gli Istituti Comprensivi: La scuola primaria Istituto Comprensivo di Alvignano; la
scuola primaria istituto Comprensivo Aulo Attilio Caiatino di Caiazzo; la scuola
secondaria di primo grado Istituto Comprensivo E. Fermi di Cervino. Per la scuola
primaria viene affrontato il percorso Luoghi di Benessere Luoghi di Malessere e per
la scuola secondaria di primo grado il percorso Benessere e salute. Otto classi del
primo e secondo anno dell’attivissimo Liceo Manzoni del capoluogo provinciale di
Caserta e quattro classi, terze e quarte, dell’altrettanto impegnato Liceo Don Gnocchi
di Maddaloni, hanno svolto il percorso: “Prenditi cura di te: la relazione tra stili di
vita e prevenzione oncologica”.

Undici classi dell’istituto Alberghiero IPSEOA “R. Drengot” di Aversa, Istituto target
del progetto, ha realizzato il percorso ” I CIBI DELLA SALUTE: una proposta
sperimentale per gli Istituti Alberghieri.
Tutte le scuole partecipanti hanno partecipato attivamente agli Eventi conclusivi
nazionali di martedì 25 maggio, lunedì 31 maggio, giornata Mondiale senza
Tabacco, e mercoledì 9 giugno.


Il Seminario conclusivo del 25 maggio era rivolto agli Istituti Alberghieri coinvolti
nella sperimentazione di Programma “I cibi per la salute” – Guadagnare Salute con la
LILT- Regione Emilia-Romagna. Rappresenta la continuità fra il programma Scegli
con Gusto, Gusta in Salute, l’esperienza semestrale a Expo condivisa sui temi della
Prevenzione Oncologica e l’evoluzione delle tematiche in Guadagnare Salute con la
LILT esito di un progetto condiviso fra Sede Centrale LILT e MIUR.


Ha previsto la presenza di gruppi di 6 peer educators e 3 docenti per ogni Istituto
Alberghiero partecipante. Il programma ha avuto una sessione laboratoriale rivolta
agli studenti e una per i docenti e Referenti delle LILT. Il supporto dei docenti
referenti, degli operatori LILT e soprattutto degli studenti coinvolti hanno fatto sì che
anche a livello nazionale sia stato molto apprezzato il lavoro svolto, nonostante tutte
le difficoltà e l’utilizzo, spesso improvvisato, di metodologie e tecnologie innovative.
L’obiettivo del programma infatti è stato quello di realizzare nell’ambito di
Guadagnare Salute, un Cibo per la Salute, delle ricette che, utilizzando i prodotti
locali della provincia di Caserta, presentano caratteristiche organolettiche,
merceologiche tali da operare come fattori di prevenzione delle malattie tumorali e
determinare uno stimolo ad applicare corretti stili di vita. L’Istituto Alberghiero di
Aversa si è fatto onore presentando alcune ricette a base di prodotti locali, mela
annurca, maialino nero casertano, stracciata, ceci e friarielli.
L’Istituto Comprensivo di Caiazzo nell’ambito dell’educazione alimentare ha
presentato il lavoro “Le merende della Salute” Gli Istituti partecipanti e i docenti
riceveranno pergamena di Partecipazione e attestazione di Scuola per la Prevenzione.
Il 31 maggio si è tenuto l’evento nazionale conclusivo a cui hanno partecipato con gli
eccellenti lavori svolti le classi della scuola secondaria di primo grado e una quarta
classe della scuola primaria Istituto Comprensivo di Alvignano; la scuola primaria
istituto Comprensivo Aulo Attilio Caiatino di Caiazzo; la scuola secondaria di primo
grado Istituto Comprensivo E. Fermi di Cervino, in sintesi: Per la scuola primaria è
stato affrontato il percorso Luoghi di Benessere Luoghi di Malessere. La scuola
secondaria di primo grado ha svolto il percorso Benessere e salute.


L’ultimo incontro nazionale ha visto la partecipazione dell’Istituto comprensivo di
Alvignano (CE) che ha presentato diversi lavori dimostrativi del grande interesse
suscitato dal percorso allestito dagli operatori della LILT Caserta che hanno operato
in stretta sinergia con i Dirigenti e i docenti degli Istituti partecipanti.

Leggi le vecchie
novità

Ricevi subito assistenza

PRONTO LILT

Lo sportello PRONTO LILT attivato dalla Lilt Caserta è raggiungibile con un messaggio WhatsApp, telefonando al numero 3517367083 o compilando questo form contatto!

Questo sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie per le finalità sopra indicate. Prendi visione della cookie policy e privacy policy